Anthropologica 2012

 

 

Chi dice io?

 

Riflessioni sull'identità personale

 

a cura di L. Grion

 

La visione scientifica del mondo sembra decretare la "morte della persona", almeno nella misura in cui quest'ultima è pensata al modo della tradizione classica. Il prezzo pagato è tuttavia assai alto: le nozioni di identità personale, di individualità libera e autonoma, di soggettività eticamente e giuridicamente responsabile traballano di fronte alle provocazioni che giungono soprattutto dall'ambito neuroscientifico.

 

Il volume si propone pertanto di ricostruire la "storia della persona" e di instaurare un dialogo interdisciplinare utile a destreggiarsi nell'affascinante dibattito sull'identità personale.

 

 

Sommario

  • Il concetto di persona alla prova della contemporaneità (L. Grion);
  • San Tommaso interprete di Boezio e il senso normativo di "persona" (G. De Anna);
  • Aristotelismo e identità umana. Alcune considerazioni intorno alla posizione di Tommaso d'Aquino (A. Petagine);
  • L'identità delle persone: un dibattito moderno (C. Giuntini);
  • Perdere l'anima e poi ritrovarla. Nota su alcune immagini moderne dell'essere umano (P. Pagani);
  • Identità personale senza entità personale. Le varietà del riduzionismo in teoria della persona (A.C. Bottani);
  • Deflazionismo e ritorno. L'io che scompare, l'io necessario (A. Lavazza);
  • Antinaturalismo e personalismo. Alcune osservazioni sulle conseguenze ontologiche del dualismo (A. Allegra);
  • Il problema dell'identità personale alla luce delle neuroscienze cognitive (F. Fabbro e A. Marini);
  • Scienza pasticciona e scienziati creduloni: alcuni capitomboli delle neuroscienze (A. Giuliani)
  • Persona e identità nell'utilitarismo (coerente), (G. Samek Ludovici);
  • Le neuroscienze. Il diritto penale tra vecchi modelli teorici e innovazione tecnologica (F. Macioce)
  • Chi è il soggetto della mente? (A. Antonietti)
  • Interrogarsi sulla morte e sperare nel futuro (J.J. Haldane)